Clorexidina: l’antibatterico per il benessere dentale

0

Clorexidina: l’antibatterico per il benessere dentale

La salute del cavo orale è fondamentale per la salute generale della persona. Non tutti, infatti sanno che il benessere di denti e bocca influenza notevolmente tutto l’organismo, dal processo digestivo alla vita sociale.

Cos’è la Clorexidina?

La clorexidina è una sostanza dalla potente azione antibatterica, spesso impiegata nella formulazione di prodotti per l’igiene orale. Si tratta di un ingrediente usato soprattutto per svolgere una valida funzione disinfettante in grado di contrastare virus e batteri.

Le regole fondamentali per una corretta igiene orale

Da anni ormai tutti sanno quanto sia importante l’igiene orale nella prevenzione di infezioni e malattie di denti e gengive. Tuttavia non sempre l’uso del semplice spazzolino e dentifricio può garantire una pulizia completa ed efficace. Per questo motivo oltre a lavare i denti spesso (preferibilmente 3 volte al giorno o dopo ogni pasto) è bene usufruire anche filo interdentale, scovolino e/o puliscilingua, per rimuovere in maniera approfondita ogni traccia di cibo ed effettuare un ultimo risciacquo con un prodotto alla clorexidina come i collutori della linea Curasept. L’ausilio del collutorio e in particolare della clorexidina è necessario per assicurare un’igiene soddisfacente e per annientare i batteri e trattare e prevenire malattie dentali.
La clorexidina è utilizzata soprattutto nella preparazione di collutori in quanto è in grado di riequilibrare la carica batterica del cavo orale e prevenire disturbi di denti e gengive.

Quando usare i collutori alla clorexidina?

clorexidina

 

Generalmente l’uso di collutori a base di clorexidina è indicato per:

 

  • Prevenire infezioni dentali dovute ad un intervento dentistico particolarmente invasivo e in particolare a seguito di un’estrazione;
  • Prevenire infezioni dentali in coloro che portano protesi dentarie fisse o mobili;
  • Trattamento delle afte orali e/o patologie del parodonto (piorrea);
  • Trattamento di traumi dentali e alitosi;
  • Prevenire l’accumulo di placca e tartaro (questo effetto terapeutico viene potenziato quando il collutorio alla clorexidina viene arricchito con xilitolo).

Meccanismo d’azione della Clorexidina

A pH fisiologico, i sali della clorexidina si dissociano e rilasciano un catione di clorexidina che è carico positivamente. L’effetto battericida è il risultato del legame di questa molecola cationica alle pareti cellulari batteriche caricate negativamente. A basse concentrazioni la clorexidina produce un effetto batteriostatico mentre ad alte concentrazioni si ha la rottura della membrana del batterio che provoca la morte cellulare (effetto battericida).

Clorexidina: effetti collaterali

I collutori a base di clorexidina non va usato per periodi di tempo eccessivamente lunghi. Questa sostanza infatti a lungo andare rischia di scurire il bianco naturale dei denti, provocare la comparsa di macchie e danneggiare lo smalto, oltre a provocare bruciore e irritabilità alle mucose orali. Per ridurre il più possibile il rischio di effetti collaterali è estremamente importante seguire attentamente le indicazioni e le modalità d’uso contenute nei foglietti illustrativi e nella prescrizione dello specialista, prestando particolare attenzione alla durata del risciacquo che generalmente non deve mai durare troppo.

Come abbiamo ripetuto più volte nel nostro articolo, l’igiene orale è fondamentale per il benessere dell’intero organismo, tuttavia la sola cura quotidiana non basta. E’ importante sottoporsi periodicamente a visite odontoiatriche di controllo e pulizia dentale approfondita.

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.