L’importanza della Pressione in Gravidanza

0

L’importanza della Pressione in Gravidanza. La gravidanza per una donna è un momento tanto bello quanto delicato. Mesi di pura emozione che sono, però, spesso accompagnati da paure o timori per la salute del nascituro. Certo oggi la gravidanza è fortemente monitorata per la donna. E questo è sicuramente un vantaggio per la salute del bambino. Ecografie di controllo ed esami del sangue rappresentano la routine prevista dal Libretto di Gravidanza.
Tra i fattori da controllare c’è sicuramente la Pressione. Questo perchè valori pressori elevati, o meglio oltre quelli normali, possono provocare problemi, anche gravi, per mamma e nascituro. Vediamo perchè.

La Pressione arteriosa nei 9 Mesi

pressione gravidanzaPer prima cosa una piccola premessa su cosa è la Pressione. E’ rappresentata dalla spinta che il sangue, pompato dal cuore, agisce sulle pareti di vasi sanguigni e arterie. Si parla, nello specifico, di Pressione Sistolica per indicare la Pressione Massima (misurata quando il cuore si contrae per pompare il sangue nell’organismo). Al contrario con Pressione Diastolica si fa riferimento alla Pressione Minima.
Per una donna in gravidanza è necessario prestare attenzione ai valori della pressione massima. Se si riscontrano valori fuori da quelli normali si parla di Ipertensione. In questi casi esistono dei rischi per mamma e bambino. Tra questi la possibilità di Preeclampsia. Si tratta di una situazione in cui la pressione della mamma si alza in maniera improvvisa. Questo è dovuto alla presenza eccessiva di proteine nel sangue, ossia la Ptroteinuria. Per fortuna è una condizione di cui soffrono un numero limitato di gestanti. Si parla di un 1% in Italia. La percentuale sale in altri paesi, come gli USA dove è al 5%. Questo perchè si associano fattori quali alimentazione scorretta (ricca di grassi), sedentarietà e peso corporeo oltre al norma.

Pressione Bassa durante la gestazione

Fisiologicamente la donna in gravidanza si trova ad avere valori pressori inferiori a quelli normali. In questi casi si parla di Pressione Bassa o Ipotensione.
Nello specifico i valori pressori tendono a rimanere normali nelle prime settimane di gestazione. Con il crescere del valore di progesterone in circolo nel sangue i valori tendono ad abbassarsi. Ciò è dovuto proprio all’azione del Progesterone che rilassa i vasi sanguigni e svolge un’azione di vasodilatazione. Questo contribuisce a far scorrere meglio il sangue facendo abbassare i valori pressori.
Nelle ultime settimane di gestazione la pressione può diminuire ulteriormente. Il corpo si prepara alla nascita del bambino, i vasi e tessuti si rilassano ulteriormente e può comparire anche una anemia fisiologica.

L’importanza di monitorare la pressione

Si capisce, da quanto detto, quanto sia importante misurare costantemente la pressione in gravidanza. La regola di base prevede di misurarla almeno una volta ogni due settimane. Considerando però la semplicità dell’operazione, grazie ai moderni sfigmomanometri elettronici, non ci sono problemi a misurarla tutti i giorni. A differenza degli anni passati, quando misurare la pressione era prerogativa del medico o del farmacista, oggi si può compiere questa rilevazione comodamente a casa. Come? Acquistando un misuratore digitale. Si trovano in vendita sui principali ecommerce o su siti specializzati, come MisuratoreDiPressione.net, per cifre inferiori ai 50 Euro. Le migliori marche? Omron, Beurer, PIC Solution e Medisana. Prodotti di sicura affidabilità, completamente automatici e semplici da utilizzare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.